Tag Archives: nazisploitation

Ilsa, la belva delle SS

20 Mag

(Don Edmonds, 1975)

di Andrea Umberto Maria Giacometti

Film tra i più celebri della cosiddetta nazisploitation, Ilsa, la belva delle SS non deluderà gli amanti degli splatter erotici: è infatti un potpourri di donne nude, sangue, torture, malignità e nazismo.

Soprattutto nazismo: non ci sono dieci inquadrature di fila (compresi i controcampi) nelle quali non si vedano una svastica o un ritratto di Hitler; ma non è solo questo.

Pur non vantando di una vera e propria trama, si può tracciare una panoramica degli avvenimenti: in un campo di ricerca medica in un non meglio specificato luogo della Germania, Ilsa (Dyanne Thorne), tremendo capitano nazista, non solo tortura le recluse ebree, ma gode nel portare a letto i prigionieri che, non sapendo soddisfarla, vengono sistematicamente evirati. Almeno fino a quando nel campo non arriva l’americano Wolf (Gregory Knoph), patriottico e spavaldo, il quale riuscirà a conquistare Ilsa grazie alle sue strabilianti doti in campo sessuale. Sarà inoltre lui stesso ad organizzare la rivolta dei detenuti, che da tempo coltivano la sete di vendetta.

Don Edmonds e Jonah Royston, rispettivamente regista e sceneggiatore, sanno pilotare lo svolgersi delle vicende in un meraviglioso climax di violenza, e le scelte registiche sono di una sobrietà che solo apparentemente non si sposa con l’estetica di un film di questo genere: vista la quantità di elementi sadici, troppo sangue (e comunque ce n’è) o scene di tortura troppo lunghe avrebbero rovinato il delizioso lavoro compiuto per rendere completamente asettico questo film.

Il pregio maggiore è di non portar via troppo tempo (96 minuti), inoltre la recitazione non è esasperata e non ci sono, nei personaggi, elementi che li rendano completamente odiosi allo spettatore. Non è la tortura l’essenza del film, sembrerebbe piuttosto il sangue unito ai corpi nudi femminili ad essere il centro nevralgico su cui il regista ha voluto far ruotare l’intero girato (oltre al nazismo, cardine però di una più becera volontà d’accusa, di cui sparlerò più tardi). Poche le scene senza sangue, ancor meno quelle con donne vestite, la belva verrà infine incastrata proprio a mezzo del sesso.

Per quel che riguarda invece il fine ultimo del film (e spero vivamente che il produttore, David F. Friedman, non si sia preso troppo sul serio), emblematica è la scritta che ne precede l’inizio: “con questo film vogliamo auspicare che tali spaventosi crimini non debbano più ripetersi” (firmato, tra l’altro, Herman Treager, dato che il suddetto produttore non ha voluto accreditarsi col suo vero nome). Lungi da me (e da Betty) ogni sorta di volontà apologetica (anzi appoggiamo, nel concetto, la frase), m’è parso inutile, in un film di genere, voler sottolineare un distacco ideologico; tanto più m’è parso un tantino becero (e ci si ritorna) voler affidare a Wolf, indiscusso salvatore dei reclusi, il ruolo del grande democratico, che ammonisce e cerca di frenare la sete di vendetta delle torturate, le quali vorrebbero rifarsi sul medico e sulle guardie del campo, finalmente nelle loro grinfie. Qui la parte dei cattivi la recitano i cattivi, quella dei buoni i buoni, senza che ci sia quell’inversione delle parti che tanto compiace il cinismo del sottoscritto; ma tant’è.

Se si tralascia questo exploit di benevolenza americana, il film rimane una chicca per quanti amano profondamente il genere, e trattandosi in questo caso di un vero e proprio mix di generi, in molti ne rimarranno soddisfatti. Senza dimenticare che, in Grindhouse, Tarantino e Rodriguez gli hanno dedicato uno dei fake-trailer (e, per quel che mi riguarda, fatto Machete potrebbero rifare questo).

Solo un particolare, durante lo scorrere delle scene, mi lasciava perplesso: come mai, dei molti proiettili infilati in altrettante fronti, nessuno facesse mai esplodere una testa.

Nemmeno in questo caso sono rimasto deluso.

Episodio Pilota

6 Nov

La prima, storica, puntata del Cinema di B-etty: una breve introduzione al mondo del cinema “diversamente bello”.